Basilico Artico

Il Basilico Artico, detto anche Perenne, viene chiamato così perchè nonostante la sua rigogliosa fioritura avvenga in estate, ha la capacità di mantenersi fresco fino all’autunno inoltrato. Le sue foglioline sono intensamente aromatiche e portano un sapore speziato ai piatti, a metà tra il tradizionale basilico e il timo con l’aggiunta di delicate note piccanti. Facile da curare e resistente ad eventuali parassiti, il Basilico Perenne può essere coltivato anche nel vaso del proprio balcone e si caratterizza per il suo aspetto cespuglioso che può raggiungere anche 1 mt di altezza.

CENNI STORICI

Al pari di quello tradizionale, il Basilico Artico appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, normalmente coltivata in zone caldo-aride, come il bacino Mediterraneo in cui ha la sua principale diffusione. Nonostante la sua principale origine è orientale, nell’Antica Roma il basilico risultava ampiamente utilizzato sia nella cucina sia per scopi medicinali. Inoltre gli antichi romani lo associarono alla figura mitologica del Re dei Serpenti, creatura in grado di uccidere o pietrificare con un solo sguardo. In modo particolare secondo la leggenda il basilico era l’unico antidoto al veleno stesso del basilisco. Trattasi quindi di una pianta che simboleggia il veleno che uccide ma che, nella giusta dose, trasforma e cura. L’insegnamento risiedeva nell’indicare che non sono importanti le esperienze che viviamo, ma il modo in cui le viviamo ovvero possono essere per noi veleno o medicina, ostacolo oppure opportunità.