Il Fondo ristorazione prevede 600 milioni di euro per l’acquisto di prodotti 100% Made in Italy.

Le ristoratrici e i ristoratori possono richiedere contributi a fondo perduto per un minimo di 1000 € e un massimo di 10mila €.

I prodotti che rientrano nel fondo ristorazione sono tutti quelli acquistati con documentazione fiscale, a partire dal 14 agosto 2020 che provengono dalle
filiere agricole e agroalimentari Made in Italy.

  • Prodotti vitivinicoli
  • Pesca e acquacoltura
  • Prodotti Dop e Igp
  • Prodotti che valorizzano la materia prima del territorio

È possibile presentare la domanda entro il 28 novembre 2020

Raccogli la documentazione necessaria:
– Identità digitale SPID;
– copia dei documenti fiscali certificanti gli acquisti effettuati dopo il 14 agosto suddivisi per tipologia;
– quietanze associate ai documenti fiscali;
– copia della Visura Camerale in corso di validità.

 

https://www.portaleristorazione.it/

Come accedo al portale?

Il richiedente, accedendo al portale tramite SPID, può presentare domanda per la Partita IVA di cui è rappresentate legale seguendo online la procedura guidata. Si intende che, per ogni partita IVA di cui è rappresentante legale, dovrà essere presentata una distinta domanda. Per accedere al portale il rappresentante legale deve utilizzare la SPID a lui intestata.

Informazioni di base per la procedura

Per inoltrare la domanda tramite portale web, il richiedente, dopo aver effettuato l’accesso tramite SPID:

  • inserisce i propri dati in qualità di rappresentante legale;
  • inserisce i dati richiesti e segue la procedura guidata;
  • prende visione e accetta le dichiarazioni previste per legge;
  • conferma con autodichiarazione tutte le informazioni fornite e le clausole previste;
  • effettua il pagamento online di un bollettino relativo al corrispettivo di 30 euro per il servizio.

Per ulteriori informazioni consulta le istruzioni alla presentazione della domanda tramite WEB.

Cosa è necessario per completare la domanda

In fase di richiesta di adesione da web, per eseguirne l’upload, è necessario disporre dei seguenti documenti:

  • visura camerale in corso di validità;
  • copia dei documenti fiscali certificanti gli acquisti nelle categorie previste dal decreto ed eventuali documenti di trasporto;
  • eventuale copia delle quietanze associate ai documenti fiscali, se già disponibili al momento della presentazione (opzionale in questa prima fase di adesione).

Pin It on Pinterest