Ad ottobre 2018 l’Associazione Botteghe Romane ha presentato un esposto per una situazione incredibile a piazza del Popolo dove, sotto gli occhi di tutti, un ristorante occupava abusivamente il suolo pubblico e utilizzava le cucine senza canna fumaria.
Abbiamo semplicemente chiesto che venissero rispettate le leggi.
Il 1 dicembre il nostro esposto ha sortito l’intervento della polizia locale, sanzionando pesantemente il ristorante.
Ad oggi, dopo sei mesi, non è stata rimossa la postazione abusiva, lasciando inalterati i tavoli esterni già sanzionati e non prendendo provvedimenti per la somministrazione.
Ci siamo sentiti, quindi, in dovere di intervenire nuovamente, a difesa del nostro socio CANOVA di piazza del Popolo che subisce quotidianamente la concorrenza sleale del ristorante attiguo, chiedendo l’intervento dell’Assessorato preposto, visto che la direzione del dipartimento che si occupa dell’occupazione di suolo pubblico ha espletato completamente l’iter amministrativo.

Quella che segue è la lettera che abbiamo inoltrato:

Protocollo.polizialocale01trevi@pec.comune.roma.it

Protocollo.mun01@pec.comune.roma.it

A.R.B.A. CANOVA

Oggetto: esposto Associazione Botteghe Romane del 30/10/2018

Il sottoscritto Enrico Corcos, nato a Roma l’ 11 marzo 1936, c.f. CRCNRC36C11H501L, residente in via Machiavelli 25 – Roma, in qualità di Presidente dell’Associazione Botteghe Romane

PREMESSO CHE  

in riferimento ai verbali di accertamento di violazione protocollo n. VA/171017 del 1709/2018 e n. 17-04536 del 01 dicembre 2018 a carico di Pecchia Salvatore titolare della società PRIVET MD s.r.l. per violazione amministrativa di cui art. 14-14bis DCC 119/05 e DCC 75/10 e DAC 39/14 (vav.n.17-04536)  e dell’art. 22 C. d. S. ( vav.n.14170099559) relativi alla maggior occupazione di suolo pubblico di mq.25,27 ed al mantenimento di una tenda parasole di mt. 6,40 x 3 oltre al sequestro di olio di oliva e alla Determina Dirigenziale 15/02/2019 a firma della dott.ssa Lucietta Iorio con la quale si richiede “la cessazione della attività di somministrazione, limitatamente alla attività di cucina con cottura di cibi, nel locale sito in piazza del Popolo n.19, entro quindici (15) giorni dalla data di notifica del presente atto, con espressa avvertenza che in caso di inottemperanza  i provvedimenti eventualmente necessari per l’esecuzione d’ufficio saranno adottati ,con modalità previste dall’art.5 del Testo Unico Legge Pubblica Sicurezza, dal corpo della Polizia Locale Roma Capitale – U.O.I Gruppo Centro – incaricato della esecuzione della presente Determinazione Dirigenziale”. Esposto quanto sopra l’Associazione Botteghe Romane per nome e per conto del proprio socio società A.R.B.A. proprietaria del bar CANOVA sito in piazza del Popolo Roma non essendo, ad oggi, eseguito nessun adempimento amministrativo nei confronti della PRIVET

CHIEDE

  1. la motivazione del ritardo dell’iter amministrativo, considerando che la PRIVET MD continua nella sua attività abusiva con gravi conseguenze economiche verso il nostro socio
  2. l’esecuzione di quanto espresso nei verbali dalla Polizia Locale e dalla suddetta Determinazione Dirigenziale.
  3. un ulteriore sopralluogo della Polizia Locale del locale in questioneRoma, 14 maggio 2019Il Presidente Enrico Corcos
wvtag('wordpress', true);