L’Orzo Perlato dell’Alto Lazio si ottiene da varietà di orzo maggiormente impiegate nella zona: Carina e Scarlet. Il cereale ha una buona calibratura e media durezza, non provoca rotture nella lavorazione, ma ha contemporaneamente una ottima tenuta alla cottura, anche se la varietà Carina scuoce più facilmente.

Incidono molto sulle caratteristiche del prodotto le condizioni climatiche della zona di coltivazione, soprattutto il terreno di origine vulcanica.

Cenni storici sull’Orzo Perlato dell’Alto Lazio

Come il farro e l’avena, l’orzo appartiene ai cosiddetti “grani vestiti” la cui coltivazione risale al periodo etrusco. Gli Etruschi, infatti, consideravano l’orzo come un vero e proprio grano e lo utilizzavano nella preparazione della “puls”, una specie di polenta a base di orzo.